Sentiamo spesso parlare di prototipazione rapida, un termine che racchiude un insieme di tecniche utilizzate per la realizzazione di oggetti destinati a diventare i capostipiti di una eventuale produzione in serie a livello anche industriale, il prototipo. Ecco quindi che la realizzazione di tali oggetti può assumere grossa importanza in una lunga serie di valutazioni che possono andare dai costi alla valutazione dell’ effetto estetico.

Svariati possono essere i materiali utilizzati e le tecniche di realizzazione. Un tempo (ed a volte anche ai nostri giorni) il lavoro di prototipazione veniva affidato ad artigiani specializzati in modellazione, che avevano il compito di portare alla luce in maniera più accurata possibile quanto riportato all’ interno di un progetto. Al giorno d’oggi un tale sistema si andrebbe ovviamente a scontrare con quelle che sono le caratteristiche essenziali di un mercato in continuo sviluppo ed evoluzione, ovvero con le necessità di contenimento di costi e rapidità nella realizzazione del prodotto finito.

Ecco che la tecnologia attuale ci permette  di ridurre i tempi ed al tempo stesso i costi di costruzione del prototipo, tecnologie che prendono il nome di  rapid prototyping. Attraverso un procedimento di stratificazione progressiva, gli attuali macchinari permettono di realizzare in maniera estremamente rapida e ragionevolmente semplice la realizzazione di un prototipo, generalmente in materiale siliconico, partendo da progetti sviluppati nei più tradizionali formati di disegno tecnico (CAD 3D). I modelli che ne derivano risultano caratterizzati dall’ elevata precisione. Inoltre le superfici, che risultano estremamente lisce si prestano perfettamente a tutte quelle che possono essere le esigenze successive, quali la verniciatura.

Prendiamo spunto per segnalare un sito web dove il servizio di prototipazione rapida può essere richiesto direttamente inviando il proprio progetto per ricevere un preventivo, servizi3d.net.